Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Art. 21 della Costituzione della Repubblica italiana

Io sono sempre dello stesso parere: sino a quando non sarà rinnovata la nostra classe dirigente, sino a quando le elezioni si faranno sulla base di clientele, sino a quando i Calabresi non indicheranno con libertà e coscienza i loro rappresentanti, tutto andrà come prima, peggio di prima.
Umberto Caldora (lettera a Gaetano Greco Naccarato, 1963)

sabato 6 ottobre 2018

A proposito di numero chiuso



Il ponte del Diavolo (foto di E. Pisarra)
La notizia è di questi giorni: il sindaco di Saint-Gervais, uno dei due comuni che sorgono sul versante francese del Monte Bianco, ha deciso di istituire il numero chiuso per gli alpinisti che intendono scalare la cima più alta d’Europa.
Ha fissato in 214 persone al giorno il numero massimo per coloro che vogliano sfidare i ghiacciai, il freddo e le insidie dell’alta quota pur di raggiungere quella vetta.
Questa notizia apre il dibattito su quanti possono essere gli “avventori” giornalieri dell’alta quota: i ”conquistatori dell’Inutile”, come avrebbe detto Lionel Terray.

Dal 2019 sarà necessario un “lasciapassare” per poter salire in vetta al Monte Bianco dalla via normale francese che passa per il rifugio Gouter. I 214 permessi giornalieri sono pari alla capienza massima offerta dal rifugio Gouter, dove la prenotazione rimarrà comunque obbligatoria.
Hervé Barmasse, su Twitter ha scritto: «Vietare l'accesso alle montagne significa togliere la libertà. Il sindaco esulta, parla di "giornata storica". Ma si tratta della più triste nella storia dell'alpinismo».
Ovviamente del risultato ottenuto è molto contento il sindaco di Saint Gervais, Jean Marc Peillex, fautore da sempre per la regolamentazione degli accessi al Monte Bianco.

Due posizioni, in apparenza, inconciliabili dato che da entrambe le parti si cerca di rendere la montagna “sicura” per tutti coloro che provano a scalare una vetta, in questo caso “la” cima per eccellenza di tutte le montagne europee.
Già agli inizi degli anni Novanta, a causa delle alte temperature estive e delle conseguenti problematiche annesse (scioglimento dei ghiacciai, affollamento, formazione di crepacci e seracchi di notevoli dimensioni), si pensò a diverse soluzioni per vigilare sulla sicurezza in alta quota. Qualcuno suggerì l’applicazione dello stesso metodo di “SOS” allora in uso sulla rete autostradale. Immaginate la via normale al Monte Bianco intermezzata da colonnine rosse?
Per fortuna l’idea fu subito scartata. Oggi l’uso sempre più massiccio della telefonia mobile con le numerose applicazioni ad essa collegate ha ben ottemperato alla necessità di controllare e poter intervenire in caso di bisogno.

Tuttavia non è stato risolto il “troppo pieno” nei rifugi, almeno quelli posti sulle vie normali che conducono alle cime più famose, dove si ripete ciclicamente quello che accadeva già agli inizi degli anni Settanta: gente che dorme per terra, sui tavoli della sale da pranzo, negli androni.
Il Monte Bianco (foto dal web)
Così accade oggi al Goutier, come pure al rifugio Vittorio Emanuele II sulla “classica” del Gran Paradiso: logica conseguenza data dall’aumento del tempo libero, dal miglioramento della tecnologia legata all’equipaggiamento, dalla maggior disponibilità di denaro.

Questo flusso di uomini e denaro porta una ventata di sollievo alle regioni alpine che, difficilmente, vi rinunceranno, sostenendo che ognuno è libero di andare dove vuole, a patto che sia ben equipaggiato e capace di affrontare le insidie della montagna e, soprattutto, dell’alta quota.
Di fatto risultano affollate solo le vie normali che conducono alle cime più famose, mentre le altre languono per mancanza di “clienti”. Così la via italiana al Monte Bianco, che parte dal Rifugio Gonnella, è quasi sempre deserta: vale a dire che si vuole andare in cima ma per la via più facile.
Per quella che è la mia esperienza di guida, direi che non si debba parlare di vero e proprio regolamento di accesso alle montagne in generale.
Tuttavia, per le località più rinomate - prese d’assalto da una sempre maggiore moltitudine di persone che un giorno, non sapendo cosa fare, all’improvviso decide per una gita su un fiume, a una cima o di percorrere una via nota -  urge non una regolamentazione rigida, ma una serie di limitazioni nei numeri, di indicazioni per l’equipaggiamento e informative ben chiare sulle difficoltà che presenta il percorso.
 Per essere più chiaro e portare una testimonianza, seppure ormai lontana nel tempo, racconto di quella volta che decisi di scalare il Monte Cervino nel lontano 1993. Per organizzare la mia ascesa, mi rivolsi per chiedere informazioni all’ufficio turistico della città di Cervinia: la signorina dell’accoglienza, senza dire una parola, prima mi mostrò alcune foto di un grande volume, come a dirmi: “lei è sicuro di voler andare qui sopra?. Se la sente? È capace?” Poi chiamò un giovanotto seduto alla scrivania accanto che si presentò dicendomi di essere una guida alpina e che aveva più volte scalato quella montagna. Quindi, discutemmo delle difficoltà, dei costi, dei pericoli.

Ecco questo è ciò che manca nei nostri paesi a “vocazione turistica”. Non esiste un ufficio che fornisca informazioni precise, fatto di personale capace, che conosca le problematiche dei luoghi, in grado di consigliare (o sconsigliare) una determinata meta. Spesso ci si affida alla rete ma, anche in questo campo, come in tanti altri, essa non può essere perfettamente attendibile.
Una figura “umana”, ben preparata e alla quale rivolgersi nei pressi dei luoghi interessati da itinerari più o meno difficoltosi, è di gran lunga più efficace delle “stellette” di difficoltà poste alla fine di una scheda pubblicata nei siti internet.
Io sono convinto che una tal figura possa costituire un buon filtro, senza per questo essere limitanti o “escludenti” verso una persona o un gruppo.
Regolamentare ha un doppio significato a seconda delle aree geografiche in cui si opera. Sulle Alpi chi va in montagna si porta dietro un caschetto, ha già indossato scarpe idonee e zaino. Sugli Appennini spesso si confonde la spiaggia del mare con le rive di un fiume, pensando che entrambe si possano affrontare con semplici “infradito”. L’andare in un canyon è considerato come una semplice passeggiata nel verde con il complemento dell’acqua.

A ciò dobbiamo aggiungere che la professionalità degli accompagnatori è, spesso, aleatoria, come di sovente accade, per esempio, a Civita: d’estate qui appaiono decine di guide, salvo sparire dopo le prime giornate di settembre.
 Alla domanda bisogna creare l’offerta, senza andare per il sottile, in numero di persone, in equipaggiamento, in tempo: è necessario massimizzare la rendita.
Ma ora più che mai è necessario porre qualche puntello per ridurre i rischi, ottimizzare i costi e dare un servizio fatto di professionalità e qualità.
Resto fermamente convinto che limitare l’accesso ad alcuni luoghi solo a chi ha una certa età non lederà di sicuro la libertà dell’individuo. Indicare i periodi di accesso, il numero di persone massimo che una guida può accompagnare, gli orari, l’equipaggiamento necessario, non è limitare la libertà delle persone, ma serve a scongiurare incidenti gravi, soprattutto sui nostri Appennini dove la cultura della montagna stenta a decollare.

In questo non concordo con Barmasse, Messner ed altri grandi nomi dell’alpinismo italiano.



NB

Questo articolo è stato pubblicato sul periodico della sezione CAI di Castrovillari , n. 3 - settembre 2018 



martedì 10 luglio 2018

Nuova Carta Escursionistica del Pollino - Punti vendita


Baronissi (SA) – DueGi Sport in via Ferreria 303
Castrovillari - Libreria San Francesco in Via Roma
Catanzaro - Libreria Pegaso (in via Mario Greco) 
Civita - Tabacchi Rugiano
Diamante - Libreria Basile
FIRENZE - Libreria Stella Alpina, in Via Alderotti
Laino Borgo - Supermarket Cersosimo
Maratea - Edicola Schettino
Matera - Jazzo Gattini
Matera - Libreria dell'Arco
Matera - Libreria Giannatelli
Matera - Libreria Mondadori
Morano calabro - Il Nibbio
Morano Calabro – Pierremporio
Policoro - Libreria "la Luna di Carta"
Praia a Mare - Libreria Victoria
Rimini - L'Escursionista
ROMA - Edizioni il LUPO, in via Donna Olimpia
Rotonda - Libreria "La Libreria di Ivana" (accanto all'ufficio postale)
San Severino Lucano – Rifugio Pino Loricato a Madonna del Pollino
San Severino Lucano – Artigianto/Prodotti tipici da Carmelino
San Severino Lucano – Cartolibreria al Centro
TERRANOVA DEL POLLINO - Bioagriturismo  LA GARAVINA
Scalea - Libreria Scripta
Scalea - "La Moderna" - C.so Mediterraneo.
Scalea - Associazione Laoraft Scalea
TORINO - Libreria della Montagna, in via Sacchi
Trebisacce - Edicola Assi

giovedì 7 giugno 2018

Nuova Carta Escursionistica del Pollino


 








Comunicato stampa

Siamo lieti di portare a conoscenza di tutti gli appassionati di montagna che è stato dato alle stampe la nuova CARTA ESCURSIONISTICA DEL POLLINO.
La Carta riporta la Rete sentieristica che attraversa l’intera area protetta e, in questa ristampa aggiornata a fine aprile 2018, si presenta con un nuovo restyling molto più accattivante. 
Vi è compresa la rete dei sentieri realizzata dalle ex Comunità Montane – oggi Accordi di Programma – soprattutto nel settore settentrionale, nei comuni di Terranova del Pollino e nella Valle del Sarmento, e la Rete di Sentieri indicata sui luoghi dai cartelli con la scritta “IPV” (Itinerari di particolare Valenza), che, in parte, si sovrappone ad altre.
In questa nuova edizione è inserita anche la nuova rete di sentieri del Comune di Tortora, creata nel gruppo montuoso del Serramale e, per la prima volta, è registrato il nuovo tracciato dell’autostrada A2 del Mediterraneo come “spina dorsale” da percorrere per raggiungere, con comodità, le basi dei vari gruppi montuosi dai quali partire per una determinata cima utilizzando i sentieri predisposti.
La nuova CARTA ESCURSIONISTICA DEL POLLINO, registra, e questa è un’altra novità, il tracciato aggiornato del SENTIERO ITALIA che attraversa le nostre montagne, annotando che il tratto calabro è completamente segnato e ben evidenziato dalla segnaletica, mentre il settore di competenza lucano è in via di completamento.
Vi troviamo aggiunta anche una didascalia di pronta informazione sullo stato dei rifugi, distinguendo tra quelli che, al momento della andata in stampa, erano aperti da quelli che risultavano chiusi.

Una particolare attenzione è rivolta alla viabilità minore – le cosiddette “strade bianche” – che costituiscono la rete di accesso alla montagna e ai punti di partenza per la rete dei Sentieri.
Infine, la carta registra anche una serie di indicazioni utili -  quali l’eliporto di San Severino Lucano, l’aviosuperficie di Castrovillari, le aree di servizio presenti sull’autostrada – e annota le varie tipologie vegetative presenti all’interno dell’area protetta.

La Carta è stampata su un foglio rettangolare di 70 x 100 cm. Su di un lato è presente una tavola in scala 1:90000 con lo scopo di inquadrare l’intero territorio del Parco e contestualizzarlo dal punto di vista geografico. Nel retro è riportato il settore di Sud-Est con le vette e le località più importanti del Pollino. Questo lato è in scala 1:35.000. 
La Carta presenta anche un box con i “Recapiti Utili” in cui sono indicati il numero del Soccorso Alpino, del pronto intervento dei Carabinieri Forestali e del referente dell’Associazione Guide Ufficiali del Parco. 
Le coordinate geografiche sono riferite all’ellissoide internazionale WGS84; il reticolo di riferimento è UTM Fuso 33.
 Un grazie particolare a Emanuele Pisarra, geografo, Guida Ufficiale del Parco e componente della Commissione Nazionale di Sentieristica e Cartografia (SOSEC), che ha elaborato i dati con la collaborazione della Acalandros Map Design. 
Un particolare senso di gratitudine va alla AcalandrosTour, agenzia di Servizi eco-turistici nel Parco nazionale del Pollino, per aver sponsorizzato l’iniziativa. 
E un ringraziamento va soprattutto a tutti coloro che percorrono con amore e curiosità le nostre montagne attraverso i suoi sentieri e che danno senso a questo lavoro dandogli fiducia.
Buona “navigazione” con la nuova Carta!